View Single Post
Old 03-08-2010, 04:11 PM   #20
afantozzi
Human being with feelings
 
Join Date: Nov 2009
Posts: 309
Default

Ciao!
Credo che in questi casi la soluzione migliore sia avere un sistema il più realistico possibile. Cosa intendo per realistico? Il più vicino possibile alla realtà di come un brano viene ascoltato. Di solito testo i miei mix su sistemi molto diversi tra loro; dall'impianto HI-FI di buona qualità, al piccolo impianto stereo, a sistemi che utilizzano anche subwoofer, casse PC, stereo portatili, ecc... Se ci si allontana da quella che è la realtà di ascolto si rischia di avere un mix che funziona bene solo in una situazione di "laboratorio"... che non è però realistica.
Mi è capitato più volte, come musicista, di registrare in studi di buona qualità e di ottenere dei mix bellissimi (in studio) e mediocri ad un ascolto su altri sistemi non altrettanto di qualità (o "flat"). Perciò, alla fine, basare i propri mix su un solo sistema non è secondo me funzionale anche se può essere tecnicamente o teoricamente perfetto.
Relativamente a Behringer, non conosco le sue casse e sicuramente i suoi microfoni sono da lasciar perdere. Ma i suoi mixer non sono niente male, così come la mini scheda audio UCA202 (che alla fine non è che un semplice convertitore analogico digitale) con cui mi è capitato di registrare e che funziona assolutamente meglio di schede audio di qualità molto superiore. Anzi, spesso il punto debole delle schede sono proprio i pre. Non avendo pre sulla scheda (ma usando un mixer) si fa fare alla scheda... quello che è il suo compito, ovvero convertire il segnale da analogico a digitale lasciando la parte pre a mixer (ad esempio) di qualità superiore....
Beh, almeno questa è la mia esperienza!
afantozzi is offline   Reply With Quote