View Single Post
Old 06-19-2013, 03:16 PM   #24
wizedo
Human being with feelings
 
Join Date: Dec 2010
Posts: 27
Default

Ciao a tutti,
osservo Reaper da tempo ma non riesco a schiodarmi da cubase e protools.
Sono pochissime le cose che non mi attirano, ma contemporaneamente le considero essenziali.

L' interfaccia mi risulta claustrofobica perchè sono abituato ad avere due o più finestre (edit e mix) intercambiabili e galleggianti su uno sfondo: con reaper il mixer è sempre davanti.
Inoltre trovo la dimensione dei caratteri, pulsanti, indicatori etc.. calibrati per schermi posti vicini all' utente e non, come nel mio caso, a quasi 2 metri. Ho provato molti temi ma nessuno mi soddisfa. Forse protoolsXXX di albert che, guardacaso, ricalca il prodotto avid, anche se il tema di albert non risulta chiaro come "l' originale".
Questo "streamline" proprio non lo tollero.

Il modo in cui le nuove take vengono divise in corrispondenza di altre è poco conveniente: non sempre si registra secondo margini predefiniti e in griglia, anzi.

Anche se questo aspetto è per me marginale devo dire che, data la natura del programma, altamente configurabile, le funzioni di base sono un pò confuse e i menu decisamente ridondanti (per esempio tasto dx su un "item"). Tanto per confrontare, quando ho installato pro tools per ragioni di compatibilità, dopo poche ore ho imparato a gestirlo abbastaza bene. Lo trovo semplice, rapido ed efficace (senza contare i gruppi di editing). Per portare la mia conoscenza di Reaper al solito livello mi ci vorrebbe molto più tempo. Che non sono invogliato a spenderci per le ragioni sopra citate.


Insomma, senza tediarvi troppo, penso che l' enorme versatilità di Reaper sia allo tempo stesso il proprio tallone di achille e giusto per concludere, Reaper diventerebbe molto più appetibile se passasse da un buon sarto e semplficasse il primo approccio.

Salute!
Ed.
wizedo is offline   Reply With Quote