View Single Post
Old 07-22-2013, 06:25 AM   #30
3FRS
Human being with feelings
 
Join Date: Mar 2012
Posts: 103
Default

Ho usato Cubase per una vita, e per una vita, dopo aver registrato le ritmiche di un brano, mi prendevo almeno 5 giorni di tempo prima delle registrazioni successive, sia per evitare distrazioni durante l'editing, sia per evitare che il cliente si annoiasse.
Anch'io ho avuto il problema della "differenza di approccio" con la gestione delle takes.
Magari faccio prima a spiegarti il metodo che uso ora:
per una batteria (10 o 12 canali a seconda di quanto dettaglio serve...) ho costruito un template costituito da una unica traccia a 10 o 12 canali (quindi un'unica wav);
questa traccia contiene 10 o 12 sends (11 se non separi gli OH) che puoi indirizzare a scelta o tutte al master o a canali separati, se come me missi su un banco analogico.
Quindi dopo aver registrato hai una unica traccia che contiene tante forme d'onda, ma editabili in una unica operazione senza la necessità di "groupparle".
Una volta scelti i takes migliori (con una velocità assolutamente imparagonabile a Cubase) con Alt+Shift+T riduci tutto ad un unico take al quale dovrai controllare solo pochissimi crossfade (la cui funzionalità è secondo me la reale, grande differenza con Cubase)
e il gioco è fatto;
e non ti dico poi se vuoi correggere tutto per "piombare" tutti i colpi (Grande Kenny Gioia: http://youtu.be/odk69mgXNB8 ).
Dopo questo uso Cubase solo per aprire vecchi progetti e trasferirli su Reaper.
In relazione alla gestione dei takes, ho incontrato anch'io delle difficoltà, proprio per la tua stessa ragione, ovvero il numero eccessivo di split della traccia; ma l'uso ripetuto mi ha convinto che:
1. Gli split in Reaper non sono come quelli in Cubase, sono quasi portato a pensare che nell'ambito dello stesso take sia solo una questione visiva...
2. Gli split, da un certo punto di vista, danno un'idea più chiara di cosa hai a diaposizione in quel determinato punto del pezzo.
3. con una buona impostazione della gestione dei colori delle varie takes hai una idea molto più chiara di cosa stai editando;
C'è poi da considerare che se vedi che uno dei take è il più convincente tra tutti, puoi eliminare tutti gli altri split e trascinare l'estremità dell'item con il take prescelto fino al punto in cui hai la necessità di utilizzare un altro take.
Da quando uso questo metodo ho ridotto i tempi in maniera incredibile, e per di più ho la forte sensazione che con un po' di applicazione in più sulla configurazione, e magari anche sull'elaborazione di una buona toolbar aggiuntiva, questi tempi sono destinati a ridursi ulteriormente.

Di problemi ne riscontro comunque anch'io, specialmente in ambito MIDI, ma allo stato attuale, consultando il forum e ricevendone il feedback, presumo che siano dei problemi legati al mio setup un tantino obsoleto; preferisco riprendere questo discorso quando avrò sostituito alcuni miei "macinini di studio"

3FRS
3FRS is offline   Reply With Quote